Cai Umbria “Tutti sulla Rupe”. A Orvieto il raduno regionale dei soci del Club Alpino Italiano

Un grande lavoro di mesi da parte della sezione Cai di Orvieto, oltre sessanta soci in campo
Cai Umbria “Tutti sulla Rupe”. A Orvieto il raduno regionale dei soci del Club Alpino Italiano
E’ la prima volta che la giovane Sezione Cai Club Alpino Italiano di Orvieto, istituita il 1° Gennaio 2020 dopo essere stata 10 anni Sottosezione di Terni, ha l’onore e l’onere di ospitare il raduno regionale di tutti i Soci Cai umbri. E’ tradizione consolidata negli anni che nella tarda primavera i consoci delle otto sezioni dell’Umbria si diano appuntamento in una delle località regionali per passare una giornata sui sentieri assieme e conoscere i diversi territori.

Saranno il presidente generale del Cai, Antonio Montani, insiema alla sindaca di Orvieto, Roberta Tardani, a tagliare il nastro di questa giornata davvero speciale. Tutto è pronto sulla rupe per ospitare i soci del Cai che con zaino, scarponcini e mountain bike arriveranno a centinaia da ogni parte dell’Umbria per visitare le bellezze di una città straordinaria nella sua famosa parte monumentale ma anche per scoprire i dintorni collinari e montani, ancora da valorizzare.
Un grande lavoro di mesi da parte del consiglio, della sezione e di oltre sessanta soci in campo per far sì che questo evento rimanga nel ricordo di tutti. «Devo esprimere un ringraziamento forte a tutto il consiglio direttivo, in special modo a Stefano Baccherini, e a tutti i soci del Cai di Orvieto – dice il presidente della Sezione, Alessandro Barone – che in gran numero si sono mobilitati coinvolgendo le energie positive della nostra comunità che in questa occasione, è il caso di dire in modo unitario e corale, ci ha sostenuti nello sforzo organizzativo e accompagnati per ospitare al meglio i Soci provenienti da tutte le altre zone dell’Umbria. Un ringraziamento del tutto particolare all’Avis comunale di Orvieto che in occasione del suo 45° della fondazione, ci ha sostenuto con uomini e mezzi».
Precisa al riguardo Marcello Massino, membro del Consiglio Sezionale Cai Orvieto e del Direttivo dell’Avis Orvieto: «Il donatore dev’essere in buona salute e dunque è vicino in modo del tutto naturale all’alpinista, all’escursionista e a tutti coloro che praticano sport all’aria aperta».
Anche le gialle magliette ufficiali del raduno mostrano i loghi abbinati delle due realtà associative, accomunate dallo spirito di volontariato sociale e di solidarietà, tipico di chi va in montagna, e dalla difesa dei beni comuni. «Un ringraziamento ai partner che ci hanno supportato, il comune di Orvieto, la Protezione Civile e Cittaslow.
Oltre ad essi – prosegue Barone – sono stati davvero innumerevoli i soggetti locali che con entusiasmo ci hanno assicurato il loro sostegno». Grazie anche all’Associazione Libertas che ci ha fornito gratuitamente un arco gonfiabile e il sistema di amplificazione professionale»..
Info e programma www.caiorvieto.it.
Un grande lavoro di mesi da parte della sezione Cai di Orvieto, oltre sessanta soci in campo Cai Umbria “Tutti sulla Rupe”. A Orvieto il raduno regionale dei soci del Club Alpino Italiano E’ la prima volta che la giovane Sezione Cai Club Alpino Italiano di Orvieto, istituita il 1° Gennaio 2020 dopo essere stata 10 anni Sottosezione di Terni, ha l’onore e l’onere di ospitare il raduno regionale di tutti i Soci Cai umbri. E’ tradizione consolidata negli anni che nella tarda primavera i consoci delle otto sezioni dell’Umbria si diano appuntamento in una delle località regionali per passare una giornata sui sentieri assieme e conoscere i diversi territori. Saranno il presidente generale del Cai, Antonio Montani, insiema alla sindaca di Orvieto, Roberta Tardani, a tagliare il nastro di questa giornata davvero speciale. Tutto è pronto sulla rupe per ospitare i soci del Cai che con zaino, scarponcini e mountain bike arriveranno a centinaia da ogni parte dell’Umbria per visitare le bellezze di una città straordinaria nella sua famosa parte monumentale ma anche per scoprire i dintorni collinari e montani, ancora da valorizzare. Un grande lavoro di mesi da parte del consiglio, della sezione e di oltre sessanta soci in campo per far sì che questo evento rimanga nel ricordo di tutti. «Devo esprimere un ringraziamento forte a tutto il consiglio direttivo, in special modo a Stefano Baccherini, e a tutti i soci del Cai di Orvieto – dice il presidente della Sezione, Alessandro Barone – che in gran numero si sono mobilitati coinvolgendo le energie positive della nostra comunità che in questa occasione, è il caso di dire in modo unitario e corale, ci ha sostenuti nello sforzo organizzativo e accompagnati per ospitare al meglio i Soci provenienti da tutte le altre zone dell’Umbria. Un ringraziamento del tutto particolare all’Avis comunale di Orvieto che in occasione del suo 45° della fondazione, ci ha sostenuto con uomini e mezzi». Precisa al riguardo Marcello Massino, membro del Consiglio Sezionale Cai Orvieto e del Direttivo dell’Avis Orvieto: «Il donatore dev’essere in buona salute e dunque è vicino in modo del tutto naturale all’alpinista, all’escursionista e a tutti coloro che praticano sport all’aria aperta». Anche le gialle magliette ufficiali del raduno mostrano i loghi abbinati delle due realtà associative, accomunate dallo spirito di volontariato sociale e di solidarietà, tipico di chi va in montagna, e dalla difesa dei beni comuni. «Un ringraziamento ai partner che ci hanno supportato, il comune di Orvieto, la Protezione Civile e Cittaslow. Oltre ad essi – prosegue Barone – sono stati davvero innumerevoli i soggetti locali che con entusiasmo ci hanno assicurato il loro sostegno». Grazie anche all’Associazione Libertas che ci ha fornito gratuitamente un arco gonfiabile e il sistema di amplificazione professionale».. Info e programma www.caiorvieto.it.
Leggi tutto su: OrvietoSport
Cai Umbria “Tutti sulla Rupe”. A Orvieto il raduno regionale dei soci del Club Alpino Italiano


Comments

comments